Come essere finalmente libera

[av_slideshow size=’featured’ animation=’slide’ autoplay=’false’ interval=’5′ control_layout=’av-control-default’]
[av_slide id=’4698′][/av_slide]
[/av_slideshow]

[av_textblock size=” font_color=” color=”]

Ti senti mai ingabbiata in  situazioni dove subisci ciò che ti sta accadendo senza avere la forza e il coraggio di agire, per conquistare la Tua libertà?

“ La difficoltà è la scusa che la storia non accetta mai.”

Edward Murrow 

Solo se sei pronta a fare un altro passo per trasformare la tua vita, continua a leggere questo articolo, altrimenti lascia perdere e cambia pagina.  

” nessuno può convincere un altro a cambiare. Ciascuno di noi è il custode di un cancello che può essere aperto soltanto dall’interno. Noi non possiamo aprire il cancello di un altro, né con la ragione né con il sentimento”.

Marilyn Ferguson,

Il mondo che ti circonda è il riflesso del tuo mondo interiore che ti piaccia o no,  e nulla potrà cambiare fuori senza che tu non faccia un cambiamento dentro di te. Più conosci te stessa, i tuoi valori, le tue credenze e convinzioni, e più velocemente apporterai i cambiamenti necessari per la conquista del successo ( participio passato del verbo Succedere, cioè fare accadere le cose) il tuo successo.
La consapevolezza è il primo passo verso il cambiamento, se non ti accorgi di avere qualcosa da cambiare, vuol dire che non sei ancora pronta per fare quel passo. La tua crescita sarà frutto di un’evoluzione, ma l’effetto complessivo sarà quello di una rivoluzione, aggiungerei una magnifica rivoluzione.

Alcune donne, non fanno altro che focalizzarsi su tutti gli ostacoli esterni che le impediscono di essere libere di “essere”, quando  solo il 20% di quelli ostacoli sono esterni e il 80% sono interni. Le nostre convinzioni, valori e il cervello primitivo fa ancora fatica a cambiare meccanismi profondamente radicati. Consapevolezza, costanza, disciplina e coraggio sono gli strumenti che servono per sradicarli.
Sono stata cresciuta con la una  convinzione che mi ha limitato per anni:  “Le persone non possono cambiare” , quindi  nemmeno ero in grado di farlo, ma nel preciso istante che ho sostituito quella convinzione  con una molto potenziante ” Le persone se vogliono possono cambiare” ho iniziato a fare i miei primi passi verso il cambiamento personale.
Ho cambiato mio modo di vedere il mondo e ciò che mi accadeva, ho imparato ad essere paziente e a non pretendere troppo da me stessa, ho studiato, frequentato conferenze, ascoltato audiolibri, e creato nuovi paradigmi che mi permettessero di essere libera di esprimere e scoprire chi ero veramente, sono riuscita ad andare fuori della gabbia che avevo creato per me.

“Gli uccelli nati in gabbia pensano che volare sia una malattia.”
(cit. Alejandro Jodorowsky)

Lo sviluppo di te stessa è un processo delicato ma è anche il migliore investimento che tu possa fare, volare ha un  prezzo e devi essere pronta e disposta a pagarlo. Forse la Donna  che scoprirai di essere non piacerà a tutti, ma del resto sarebbe impossibile, la cosa però importante che ti piaccia ogni giorno di più. 
Oggi posso ispirare e aiutare con il mio lavoro e il mio esempio tante donne, che come me vogliono essere libere di essere chi veramente sono e che vogliono essere soddisfatte ogni istante della loro vita, uno degli strumenti per me molto importanti è l’uso delle parole in modo giusto e indirizzato a cicche si vuole ottenere, tendiamo a sottovalutare le parole che utilizziamo per descrivere il mondo e ciò che ci accade ma da questo dipende il nostro futuro. Ecco qui un piccolo elenco del  linguaggio di quelle donne che non si ritengono responsabile e sono passive, donne che si sentono vittime degli evento e degli altri.  Ti rivedi in alcuna di queste frasi? 

“lui mi fa lui arrabbiare”. ( dipende dal esterno)
“non ho proprio tempo, non posso farlo.” ( Qualcosa fuori mi condiziona)
“Se solo mia figlia collaborazione di più”. (Il comportamento di un’altra persona condiziona la mia efficacia)
“Sono obbligata a farlo”. (Circostanze quante persone mi costringono a fare quello che faccio. Non sono libera di scegliere le mie azioni)

Ecco altri esempi:

linguaggio di chi subisce                        linguaggio di chi agisce
Non posso farci niente                                    Consideriamo le alternative
Mi fa arrabbiare                                               Controlli I miei sentimenti
Non posso                                                          Io scelgo
Se soltanto                                                         Io voglio
Devo farlo                                                          Io preferisco

“Le parole formano il filo con cui leghiamo le nostre esperienze”
Aldous Huxley

Alcuni passi da fare  per iniziare ad Agire  

 Passo # 1  Osserva

Ascolta  attentamente per un giorno il tuo  linguaggio e quello delle persone che ti circondano, figli, compagni di lavoro. Scopri  quanto spesso utilizzano il linguaggio di chi subisce?

Passo # 2 Fa come se

Identifica un’esperienza nella quale puoi  imbatterti in un futuro non lontano in cui probabilmente, in base all’esperienza passata, ti avresti comportato in modo reattivo ( subire). Riconsidera la situazione nel contesto della tua sfera di influenza.  (Come potevi agire)

Passo #3 Passi da bimbo

Prendi un problema che è particolarmente frustrante per te. Determina se è un problema su cui hai il  controllo diretto o indiretto, o se è senza possibilità di controllo. Identifica il primo passo che puoi compiere nella tua sfera di influenza per risolverlo e poi fa quel piccolo passo!.

Vuoi aiutarmi a creare un mondo dove le donne hanno il potere di creare la vita che meritano?  Condividi l’articolo, UNIAMO le nostre forze!
[/av_textblock]

Commenti

Commenti

Precedente

Prossimo

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *